Si trova qui:

Home > Profilo del comune > Le parrocchie e le scuole del comune

Le parrocchie e le scuole del comune

S.Leonardo, canonica

Prima che il paese di S. Cassiano (1537m) venisse colonizzato stabilmente, questa zona veniva utilizzata esclusivamente come pascolo per il bestiame, da questo la denominazione Armentarola. L' attuale paese deve il suo nome al santo al quale la chiesa è stata consacrata, S. Cassiano appunto. Nel 1296 vengono citati per la prima volta i nomi di masi di S. Cassiano, la Villa e Badia. Fino al 1449 le funzioni di battesimo e funerale venivano celebrate solamente a Pieve di Marebbe, chiesa principale dell'intera valle. La prima cappella fu dedicata a S. Cassiano nel 1541, ma il primo parroco arrivò appena verso il 1760. La chiesa attuale fu costruita nel 1782, l'altare è impreziosito da un dipinto che rappresenta il martirio di S. Cassiano realizzato dall'artista Carlo Henrici di Slesia. Il paese è dotato di una scuola materna e di una scuola elementare e possiede inoltre una casa della cultura.

La VillaLa frazione di La Villa è situata fra quella di Badia e quella di S. Cassiano. Il paese vecchio si distribuisce intorno alla chiesa, tuttavia attualmente la maggior parte degli edifici è dislocata ai bordi della strada statale. Nel 1516 fu costruita la prima piccola chiesa "ad stellam", in onore di S. Maria, da questo il nome tedesco del paese: Stern. Dal 1584 il parroco di Badia doveva celebrare otto messe all'anno a La Villa, e nel periodo successivo il numero aumentò. Nel 1805 fu edificata la canonica, in modo che fosse possibile ospitare un parroco stabile. Nel 1888 e successivamente nel 1952 la chiesa venne ampliata. I dipinti sono opera dell'artista Jan Mati Pescoler (1875-1951) di Grones/Badia. La Villa dispone di una scuola materna, una scuola elementare e media, e due scuole medie superiori: un istituto tecnico commerciale ed un liceo.

Badia è una frazione omonima del comune stesso. La parrocchia è dedicata ai Santi Giacomo e Leonardo. Nel 1449 Badia ottenne un parroco che doveva inoltre occuparsi in alcune occasioni di La Valle, Corvara, La Villa e Armentarola. Nel 1682 a Badia venne concesso un laico che aveva il compito di tenere scuola e occuparsi anche delle altre parrochie. Nel 1891 Badia divenne parrocchia e dal 1949 il parroco di Badia è anche decano del decanato di Marebbe. Nel 1347 doveva già esserci una chiesa a Badia, successivamente ampliata più volte. Nel periodo tra il 1776 ed il 1778 fu costruita l'attuale grande chiesa nello stile "Penz" sotto la direzione del maestro Franz Singer (+1789) di Götzens. I dipinti sono opera di Mathäus Günther (1705-1788), direttore dell'accademia di Augsburg. Nell'anno 1782 la chiesa fu consacrata dal vescovo di Bressanone Josef von Spaur. Essa è un gioiello per ció che riguarda l'aspetto architettonico; le pitture rappresentano la vita dei Santi Giacomo e Leonardo, gli altari sono dedicati all'Immacolata, a S. Antonio e a Santa Maria del Rosario.


inoltrare via E-Mail inoltrare via Facebookinoltrare via Twitterinoltrare via Google